Esecuzione scansioni laser

Le attività di scansione laser dovranno essere pianificate ed eseguite in modo che le scansioni stesse e le attività di modellazione ad esse conseguenti possano essere completate prima dell'avvio dei lavori di costruzione/manutenzione dell'impianto (disponibilità del modello con l'avvio della ingegneria di dettaglio).

Le scansioni iniziali saranno realizzate in modo da coprire l’intero volume d’impianto interessato e da garantire una risoluzione minima in ogni punto di 3 mm: sarà eseguita una scansione completa (panoramica) con una portata di 360° sull'orizzontale e 310° sulla verticale, con una risoluzione equivalente a 3 mm alla distanza di 10 mt; da ogni postazione saranno visibili almeno 4 target di riferimento, utilizzati per l’unione delle singole scansioni (registrazione).

Gli scanner utilizzati saranno basati su tecnologia phase-shift: l'utilizzo di scanner a tempo di volo sarà limitato alle zone in quota o a distanza elevata e pertanto non raggiungibili con gli scanner phase-shift.

La nuvola di punti ottenuta potrà essere utilizzata per la verifica delle interferenze fra impianto esistente e nuove realizzazioni, sia nell'ambito dei servizi di assistenza EPC&M., sia fornendo la nuvola di punti alle società di ingegneria terze incaricate della progettazione.

Le attività di scansione saranno ripetute, al termine delle attività di costruzione/manutenzione, sulle sole aree d'impianto che sono state oggetto di intervento: tali scansioni integrative consentiranno l'aggiornamento del modello 3D d'impianto (e conseguentemente dei dati e dei documenti che ne derivano) alla nuova configurazione as-built.

Il confronto tra le scansioni integrative e le scansioni iniziali verrà fatto riportando le scansioni integrative allo stesso sistema di riferimento (UCS) delle scansioni iniziali; per semplificare questo processo verranno installati nell'impianto una serie di target inamovibili (in posizione tale da non creare impedimenti o rischi dal punto di vista della sicurezza) in numero necessario a garantirene la visibilità da qualsiasi punto di scansione all'interno dell'impianto (per impianti di complessità ed estensione media si posizionano 3 target ogni 1000 m2 di estensione dell'impianto).

Tali target dovranno rimanere posizionati in impianto per tutta la durata del contratto di assistenza EPC&M. Pollicino Assistance.